Scrivo per la comunicazione da oltre 15 anni e credo che questa sia la frase che, in assoluto, mi sono sentita ripetere più spesso: “Scrivi poco che tanto non legge nessuno”.

Una botta di autostima per un copywriter. E a seguire: “Voglio un titolo più corto. Poche parole e che abbiano un bel suono. Anzi no, un suono fashion”. “Taglia, taglia che la gente non ha tempo”. “I consumatori non leggono”. E “Non gliene frega niente”.

Non sono esattamente d’accordo. Viviamo certo nell’epoca delle immagini. I social network poi ci hanno abituati a comunicare in modo completamente diverso: pensiamo ai 140, o poco più, caratteri di Twitter. Ma le parole hanno un peso ed è giusto che restino spazi dove questo peso possono prenderselo tutto.

 

Testi professionali per la comunicazione? Sì, grazie!

Il vantaggio di rivolgersi ad un copywriter professionista sta proprio in questo: scegliere le parole giuste per comunicare ma sapere anche dove e come dosarle. Andare di sintesi quando serve e preferire spiegazioni più lunghe in altre occasioni. Ma bisogna sapere riconoscere quali! Ogni strumento di comunicazione si presta a differenti modalità di entrare in relazione con chi legge…sfruttiamole al meglio!

Io credo che i consumatori abbiano il diritto di ricevere tutte le informazioni necessarie per scegliere con consapevolezza se effettuare o meno l’acquisto di un determinato bene o servizio. Anche comunicare con cura e con la giusta profondità rientra nei servizi che un’azienda può offrire ai clienti, ci avete mai pensato?

Se avete bisogno di testi professionali per il vostro sito o per il prossimo catalogo in programma, contattateci!